giovedì 29 ottobre 2009

Fiera di Genova - Libridine e Tuttantico

  LIBRIDINE & TUTTANTICO:
INSIEME DAL 30 OTTOBRE AL 01 NOVEMBRE

Da venerdì “caccia” aperta a 40.000 volumi
Circa 100 gli espositori complessivi
Speakers’ Corner a Libridine: libero spazio alle idee creative
Dalla Shanghai del XIX secolo un raro esemplare di Bibbia
Tuttantico rinnova la formula ed apre al brocantage
Auto vintage e porta-rotolo musicale: un tuffo nel retrò tra fascino e follia



Fervono gli ultimi preparativi per Libridine - salone del libro antico, esaurito e introvabile e Tuttantico – Mostra mercato di ogni sorta di antiquariato, in programma da domani venerdì 30 ottobre fino a domenica 1° novembre, alla Fiera di Genova.
L’area espositiva del padiglione C è allestita per ospitare, ancora una volta, entrambe le kermesse, che si sono dimostrate un importante successo per un settore di nicchia, formato da appassionati e intenditori. Successo riconfermato quest’anno dove, rispetto al 2008, gli espositori di Libridine e Tuttantico sono aumentati del 13%, con provenienze da 8 regioni italiane e 6 paesi esteri.

Libridine: chi cerca, trova

Genova conferma la propria vocazione bibliofila: tra i generi in testa alla classifica dei più richiesti dai cittadini troviamo scienze, nautica, libri e riviste illustrati, cinema, teatro, storia e geografia locale, diritto. Sarà quindi compito di 45 espositori e 100 banchi per un totale di 40.000 volumi esposti, soddisfare il palato dei libridinosi più incalliti, pronti a tutto pur di gustare ed arricchire la propria biblioteca di volumi introvabili. Collezionisti e semplici amatori potranno contare sulla presenza di librai antiquari, bancarellai, studi bibliografici, rivenditori di fumetti, riviste e materiale cinematografico provenienti da Centro e Nord Italia, oltre ad alcune nuove presenze estere.
Tra le molte rarità, vale la pena segnalarne alcune davvero preziose. La Libreria Tara espone la 1° edizione, datata 1944, delle Fotocronache di Bruno Munari, che con la sua arte programmata e cinetica è figura leonardesca tra le più importanti del Novecento italiano. Fuori Catalogo Studio Bibliografico, propone invece la prima edizione italiana di Voyage au bout de la nuit (Viaggio al termine della notte), esplorazione semi-autobiografica, cupa e nichilista, che ha segnato il debutto letterario di Louis-Ferdinand Céline, uno dei maggiori autori francesi del XX secolo. Notevole, ma solo da ammirare, anche la selezione del Monastero Olivetano di San Prospero in Camogli, che espone una decina di libri tratti dalla propria biblioteca, tra cui un raro esemplare di Bibbia del 1859 scritta in cinese tradizionale (sistema di ideogrammi, oggi rimasto in uso solamente a Hong Kong, Macao e Taiwan) e ritrovata a Shanghai.

Speakers’ Corner: la creatività dietro l’angolo
Libridine lancia una frizzante sfida a tutti i creativi e gli operatori culturali, invitandoli a prendere il coraggio a quattro mani e dire la propria dall’alto dello Speakers’ Corner. Uno spazio reale, all’interno del Berio Café Live in Fiera, da cui artisti per professione o vocazione potranno far sentire la propria voce e, al contempo, catturare l’attenzione e stuzzicare la curiosità del pubblico. Un luogo ideale, aperto, dinamico in cui le forme artistico-espressive saranno molteplici, imprevedibili ed originali. Una fucina per nuovi talenti e un banco di prova per chi ha già un percorso consolidato alle spalle: ciò che conta è che ogni proposta segua il fil-rouge dell’inaspettato, del raro e dell’introvabile.
Nella prima edizione di Libridine, il Berio Café Live in Fiera si è distinto come foyer di eccellenza artistica, proponendo nel suo fitto calendario di incontri presentazioni di libri, dibattiti teatrali, happening musicali, suggestioni culinarie. Quest’anno il calendario degli incontri è particolarmente animato e spumeggiante: oltre venti, distribuiti su tre giornate, gli appuntamenti in programma. Almeno dieci gli incontri dedicati alla narrativa, cinque le mostre fotografiche e otto gli eventi musicali e culturali. Da non perdere: domenica 1 novembre alle 12.00 la presentazione, da parte di Ferdinando Scianna commenta “Baaria Bagheria”, dialogo con il concittadino Giuseppe Tornatore sulle emozioni della memoria di “quelli nati a Bagheria”; sabato 31 ottobre, a partire dalle 15.00 Mario Rizzi presenta “Meccano d’Amore”, progetto editoriale in itinere di fotografie e racconti ispirati al celebre gioco per bambini; segue – alle 16.00 – I volti di Cuba, rassegna fotografica che documenta l’alfabetizzazione dell’isola caraibica tra gli anni ’50 e ’80, a cura di Andrea Dal Lago della Libreria Caficute (Camogli). Infine, due appuntamenti dedicati al Futurismo. Venerdì 30 ottobre, ore 15.45, l’ “Omaggio al futurismo tipografico” di Enrico Tallone, operato attraverso una carrellata di manifesti dell’epoca, che costituirono grande elemento di discontinuità anche dal punto di vista della tecnica tipografica. Gianandrea Ferrari dello Studio Bibliografico Aurora presenterà, sabato 31 ottobre, “Futurismo di sinistra in Italia”: considerazioni volte a sfatare il luogo comune che il celebre movimento fosse esclusivamente di destra.

Tuttantico, nuova formula


Giunta ormai alla sua 25^ edizione, la manifestazione si propone con una formula rinnovata ed allarga l’offerta espositiva anche al brocantage, confermando così la propria vocazione a rivolgersi verso un pubblico più eterogeneo. Il padiglione C sarà la cornice prescelta per poter ammirare un’ampia e variegata selezione di oggetti, capaci di soddisfare gusti ed esigenze di tutti i visitatori: dai pezzi unici per gli intenditori, alle curiosità per gli eclettici, ai classici must-have per i neofiti.
Oggetti affascinanti, come le sculture in gesso risalenti ai primi del ‘900 e raffiguranti busti, statue ed animali. Pezzi rari, con la collezione di bicchierini da rosolio: circa sessanta compresi in un continuum che va dal ‘700 agli anni ’40 del Novecento. Quadri di spicco, come la coppia di dipinti “Natura morta con cacciagione” del pittore Baldassarre de Caro (1689 – 1750), fino ad arrivare a proposte talmente curiose da risultare imperdibili. Suscita simpatia (e ammirazione per l’inventore) il portarotolo per carta igienica, appartenente al periodo Art Déco francese, in legno con specchio: munito di doppio carillon a carica meccanica, al primo strappo di carta suona "I want to be happy" e, al secondo, "Halleluiah!".

Nostalgia canaglia a quattro ruote
Sfruttando l’innegabile allure che solo il vintage sa suscitare, quest’anno parte del padiglione C verrà trasformata per dare vita ad un vero e proprio garage dal sapore Sixties. L’idea è quella di ricreare nei particolari un’autorimessa, a cavallo degli anni 50’-60’, con una decina di auto d’epoca. Tra i mezzi, forniti dalla scuderia genovese Auto Classica, specializzata in esposizioni di “vecchie signore” a quattro ruote,i visitatori potranno ammirare gli storici modelli Fiat 600, 1100 e Topolino ma anche una splendida Bentley e una Rolls Royce Silver Shadow.

Orari di apertura
La caccia ai tesori introvabili di Tuttantico e Libridine, sarà aperta venerdì 30 ottobre dalle ore 15 alle ore 19.00, sabato 31 ottobre e domenica 1 novembre dalle 10.00 alle 19.00.
L’ingresso è gratuito.
Parcheggio in piazzale Kennedy. Per informazioni: Fiera di Genova Spa Tel.  010.5391265 www.fiera.ge.it
Ufficio stampa Fiera di Genova SpA
Tel. 010.5391211-262-394 335.7157199

0 commenti:

Condividi