domenica 27 giugno 2010

Musica - Fabrizio de Andrè

Genova e De Andrè un legame forte ed indissolubile











CREUZA DE MÄ

Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l'è ch'ané
da 'n scitu duve a l'ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n'à puntou u cutellu ä gua
e a muntä l'àse gh'é restou Diu
u Diàu l'é in çë e u s'è gh'è faetu u nìu
ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria
a a funtan-a di cumbi 'nta cä de pria.
E 'nt'a cä de pria chi ghe saià
int'à cä du Dria che u nu l'è mainà
gente de Lûgan facce da mandillä
qui che du luassu preferiscian l'ä
figge de famiggia udù de bun
che ti peu ammiàle senza u gundun.
E a 'ste panse veue cose che daià
cose da beive, cose da mangiä
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae 'nt'u meximu vin
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi
E 'nt'a barca du vin ghe naveghiemu 'nsc'i scheuggi
emigranti du rìe cu'i cioi 'nt'i euggi
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
frè di ganeuffeni e dè figge
bacan d'a corda marsa d'aegua e de sä
che a ne liga e a ne porta 'nte 'na creuza de mä.

 Creuza a Genova è una strada di piccole dimensioni, spesso in salita vista la conformazione del territorio genovese,  che scorre fra due muri  (che solitamente, determinano i confini di proprietà)


 

MULATTIERA DI MARE

Ombre di facce facce di marinai
da dove venite dov'è che andate
da un posto dove la luna si mostra nuda
e la notte ci ha puntato il coltello alla gola
e a montare l'asino c'è rimasto Dio
il Diavolo è in cielo e ci si è fatto il nido
usciamo dal mare per asciugare le ossa dall'Andrea
alla fontana dei colombi nella casa di pietra.
E nella casa di pietra chi ci sarà
nella casa dell'Andrea che non è marinaio
gente di Lugano facce da tagliaborse
quelli che della spigola preferiscono l'ala
ragazze di famiglia, odore di buono
che puoi guardarle senza preservativo.
E a queste pance vuote cosa gli darà
cosa da bere, cosa da mangiare
frittura di pesciolini, bianco di Portofino
cervelle di agnello nello stesso vino
lasagne da tagliare ai quattro sughi
pasticcio in agrodolce di lepre di tegole.
E nella barca del vino ci navigheremo sugli scogli
emigranti della risata con i chiodi negli occhi
finché il mattino crescerà da poterlo raccogliere
fratello dei garofani e delle ragazze
padrone della corda marcia d'acqua e di sale
che ci lega e ci porta in una mulattiera di mare.



DA A ME RIVA

D'ä mæ riva
sulu u teu mandillu ciaèu
d'ä mæ riva

'nta mæ vitta
u teu fattu risu amàu
'nta mæ vitta

ti me perdunié u magún
ma te pensu cuntru su

e u so ben t'ammii u mä
'n pò ciû au largu du dulú

e sun chi affacciòu
a 'stu bàule da mainä
e sun chi a miä

tréi camixe de vellûu
dui cuverte u mandurlin
e 'n cämà de legnu dûu

e 'nte 'na beretta neigra
a teu fotu da fantinn-a
pe puèi baxâ ancún Zena
'nscià teu bucca in naftalin-a

DALLA MIA RIVA

Dalla mia riva
solo il tuo fazzoletto chiaro.
Dalla mia riva...

Dalla mia vita
il tuo sorriso amaro.
Nella mia vita...

Mi perdonerai il magone
ma ti penso controsole
e so bene che stai guardando il mare
un po' più al largo del dolore

E son qui affacciato
a questo baule da marinaio,
e son qui a guardare
tre camicie di velluto,
due coperte e il mandolino
e un calamaio di legno duro.

E in una berretta nera
la tua foto da ragazza
per poter baciare ancora Genova
sulla tua bocca in naftalina.

9 commenti:

lliett ha detto...

Ho guardato solamente le foto e mi ricordano Genova in tutto il suo splendore!! Ci sono stata una settimana, nel 1992,in un' occasione speciale per la tua città : 500 anni dalla scoperta dell' America che se poi Colombo non l'avesse scoperta forse sarebbe stato meglio!!! L' ho letto da Irene in un post....De Andrè: credo sia vissuto benissimo a Genova, ma anche in Sardegna, sua seconda patria adottiva.... a presto baci

Carmen ha detto...

Lietta, quando (e se...) vuoi tornare, a disposizione, purchè tu me lo dica con un po' di anticipo così prendo ferie e ti porto a spasso. Bacioni

edio ha detto...

E' sempre un piacere ascoltare (e leggere) il Faber :-D

http://www.youtube.com/watch?v=1451T-k_gHY

Irene ha detto...

State postando cose meravigliose, il mio adorato De Andrè, amo tutto di lui, esattamente tutto!!!

Carmen ha detto...

Irene: anche io lo amo molto! Pensa che l'ho incontrato svariate volte nel negozio di Gianni Tassio, oltre ad aver visto almeno 3 suoi concerti.
@Edio: come sopra
@Lietta: certo, De Andrè ha diviso il suo cuore fra Genova e la Sardegna, che poi sono due luoghi che hanno molto in comune

Irene ha detto...

Carmen, è venuta a salutarmi una mia carissima amica, Mara, che fa fotografie spettacolari, le scatta lei e sono da sogno. Non oso chiederle per Mimi... ne ha tantissime negli archivi, splendide, fatte in un paese slavo oltre che in Sardegna! Ho vergogna a chiederglielo...

Alessandra ha detto...

Anche a me De Andre è sempre piaciuto molto, fin da ragazzina e ancora ora! Genova l'ho visitata un'esagerazione di anni fa, devo tornare!!! Un abbraccio Carmen, e grazie per la tua visita!

Sara ha detto...

perchè nella Genova vecchia si ricorda De Andrè in ogni angolo
per i vecchi cancelli, gli archivolti, le colonne, le edicole votive
perchè a naso in su nel centro storico scopri sempre qualcosa di nuovo

Si, si, anch'io!!!!

Carmen ha detto...

To aspetto cara Sara. Baciotto

Condividi