giovedì 10 marzo 2011

Arte - Illustratori - Marina Marcolin

Marina Marcolin è nata a Vicenza nel 1975. Da diversi anni lavora come illustratrice per case editrici italiane ed estere, tra le quali Edizioni EL (Trieste), Lapis Edizioni (Roma), Kite Edizioni (Padova), Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Roma), Patakis Publisher (Atene), La Joie de Lire (Ginevra), Black Cat-Cideb (Genova-Canterbury), Anaya Infantil y Juvenil (Madrid), Grimm Press (Taiwan). Le sue illustrazioni sono state esposte in Italia e all'estero, ha ricevuto premi e menzioni nei concorsi di illustrazione e nel 2006 ha ricevuto un importante premio quale miglior illustratrice straniera dal Ministero della Cultura greca. L'ultimo libro pubblicato "Giordano del faro" ha vinto il Premio Emanuele Luzzati per l'illustrazione al Premio Gigante delle Langhe 2009. È docente di acquerello e illustrazione presso l'Associazione Culturale "Ossidiana" di Vicenza. Vive ad Arcugnano (Vicenza), fra un lago e il bosco.

Blog personale di Marina Marcolin 


12 commenti:

Grazia ha detto...

Belle davvero queste immagini.
Grazie per avermele fatte conoscere
A presto
g

Anonimo ha detto...

Comme c'est doux poétique et plein de vie avec ce petit bonhomme un peu pinochio et cette fillette très tendre.
Le monde de l'enfance est éternel.
Merci Carmen de nous faire partager d'aussi jolies choses. Gros bisous. Yvon

le gioie di Fausta ha detto...

Carmen, sono davvero bellissime!!!!

liettapet ha detto...

Artista straordinaria, domani studierò ..mille baci Lietta

Costantino ha detto...

Bellissimi acquerelli,grazie di averli proposti a tutti noi.

giacy.nta ha detto...

Bellissimi gli sguardi o altri dettagli per niente secondari!
Ciao Carmen, grazie!

liettapet ha detto...

GIORDANO DEL FARO: Il mare evoca ai bambini l’infinito, i viaggi, la scoperta di terre lontane. Il mare porta legnetti, sassi, conchiglie e meraviglie con cui giocare.
Ma per Giordano, il bambino che vive in un faro, il mare è qualcosa di più: è l’amico al quale affidare un messaggio in bottiglia. Il biglietto, navigando fra onde e correnti, arriverà fra le mani di una bambina che vive al di là dell’azzurro e che risponderà con lo stesso mezzo. Il tempo e lo spazio diventano alleati, le lingue e le storie si intrecciano via via approdando, è il caso di dirlo, ad un lieto fine.
Una grande metafora dell’amicizia e dell’incontro di culture diverse, unite dal mare.Il libro è illustrato da Marina Marcolin. Baci Lietta

liettapet ha detto...

Carmen riesci ad entrare nel mio blog? Sono bloccata da ore. Splinder fa i capricci?
Posso commentare solo qui... baci e serena notte Lietta Se vuoi , puoi rispondere su posta elettronica

Adriano Maini ha detto...

E' già tutta una poesia il tuo post, ma hai altresì suscitato dei commenti molto intensi. Plaudo a questa armonia.

liettapet ha detto...

Cara Carmen, anche questa mattina splinder non funziona!!!! Pensavo che una notte potesse bastare per sistemare tutto e invece no!!!!!Oggi è sabato, forse andrò al cinema. Poi ti dirò. Trascorri due giornate serene e il 17 di nuovo festa. Ci sono mostre da visitare a Genova? ti lascio Mille baci alla Catullo Lietta

Carmen ha detto...

Grazie a tutti cari amici, buon weekend!

Merci mon fidele Yvon, toujours très gentile avec moi, gros bisous.

@tutti gli amici di splinder: da ieri provo ad entrare sui vostri blog ma non riesco, ritengo Splinder abbia seri problemi oppure che stia procedendo a qualche aggiornamento. A presto (spero...)!

edio ha detto...

...splendidi questi acquarelli, opere davvero poetiche :-)
Mi hanno fatto tornare alla mente i libri che leggevo solo qualche anno fa a mia figlia :-)

Condividi