domenica 20 marzo 2011

Musica - Dustin O'Halloran

Dustin O'Halloran, compositore statunitense, è nato in Arizona, ha passato la sua infanzia alle Hawaii e successivamente si è trasferito Los Angeles, California.
Qui ha conosciuto Sara Lov, con cui nel 1996 ha formato i Devics (prodotti dalla londinese Bella Union) tuttora in attività. Dal 2001 Dustin O'Halloran si trasferisce alcuni mesi dell'anno in Italia, in provincia di Ravenna e qui compone gran parte delle musiche che entrano a far parte dei dischi dei Devics. Nel 2004 ha pubblicato il suo primo disco solista intitolato Piano Solos (Bella Union/V2 Records) in cui si sente l'ispirazione dei grandi compositori classici, in particolare Chopin, Satie e Debussy. Nel 2006 pubblica Piano Solos Vol. 2' (Bella Union/V2 Records) e scrive tre pezzi che entrano a far parte della colonna sonora del film Marie Antoinette di Sofia Coppola.

 
Link:
Dustin su Facebook  
su MTV
wikipedia
sito dei Devics
 


Dustin O'Halloran- We Move Lightly from Dustin O'Halloran on Vimeo.




Musica, madre mia,
quando mi mettesti al mondo il mio primo vagito fu un 'la'. Ti ricordi?
Un 'la' naturale.
Le altre note me le hai insegnate dopo.
E le ho imparate con fatica, con rabbia,
camminando a piccoli passi su quel sentiero irto di difficolta', un sentiero di ebano e avorio.
Un passo bianco e un passo nero, uno bianco e uno nero.
A tempo, con ritmo preciso, si preciso.
E li ho incontrati tutti, sai, su quel sentiero:
Pozzoli, Hanon, Clementi, Czerny, Chopin, Bach, Beethoven, Listz.
Eh, madre mia, ti degnano appena appena di uno sguardo.
Che severita! Piu' alla mano gli altri.
Oggi questo sentiero e' splendido, luminoso.
Ci passeggio, ci respiro, ci canto e ci suono e lo percorro su e giu' con sicurezza, con gioia immensa.
E non guardo nemmeno piu' dove metto il piede, tanto lo conosco,
si, ora lo conosco, e' mio.
Ma che fatica madre mia, sorella mia, amante mia.
Tu sei la lingua piu' bella del mondo,
la lingua che non si parla, eppure la capiscono tutti, proprio tutti.
E' la lingua che parlano gli angeli in Paradiso.
Percio' ti amo.
E ti prego: quando sara' giunto il momento di' a quella signora di non cercarmi
L'appuntamento e' li', su quel sentiero bianco e nero di ebano e avorio.
Io saro' li', puntuale e sereno.
E ritornero' nel tuo grembo, cosi', come sono venuto.
Te ne accorgerai,
perche' sentirai la mia ultima nota,
uguale e identica alla prima che mi insegnasti. Ti ricordi?
Era un 'la', un 'la' naturale

Renato Carosone

Hassam, Frederick Childe - At the Piano

15 commenti:

Grazia ha detto...

Grazie, Carmen,
bella musica ( che non conoscevo) e bellissime parole a rallegrarmi questo pomeriggio pigro di inizio primavera.

liettapet ha detto...

Molto bravo questo compositore americano: dei Devics nessun ricordo! Ha scritto persino colonne sonore di film.. ho cercato su you tube, poi mi sono ricordata che da te non posso mettere video musicali!! Non importa...tutto scorre... un bacione Lietta

liettapet ha detto...

Mi sono dimenticata il meglio: la poesia di Carosone dedicata alla musica che chiama MADRE MIA.E' commovente!!! Non importa se lui non c'è più da tanto tempo ...è viva e ci fa sentire Renato ancora con noi.

Adriano Maini ha detto...

Mi trovo qui da te sempre più addentro ad una sorta di ... percorso universitario. I miei omaggi, gentile e competente signora!

giacy.nta ha detto...

Sai già che lo ritroverai a breve nella mia playlist, vero? Spero solo che mixpod lo contempli! Geazie, cara!
P.S.
Posso chiederti come l'hai scoperto?

le gioie di Fausta ha detto...

Grazie Carmen!!... ci ha fatto un bellissimo regalo!!

tiziana ha detto...

non si finisce mai di imparare...grazie!
tiziana

Irene ha detto...

Mi è rimasta nel cuore la poesia di Carosone, è stato uno di quei tuffi inaspettati del cuore... non si può reprimerli, bello il quadro, ma sono piena della poesia
(tutto il post è splendido) un giorno mi spiegate come si curano i post, io proprio butto lì... tutta un'altra cosa, fa niente : )
un bacione Carminette

Carmen ha detto...

Grazie a tutti!
Giacynta, come ho scritto da te, ho un amico musicista con cui condivido la grande passione per la musica di vario genere. Vedo che mixpod lo conosce;-)
Irene Lietta: grande Carosone, mi ha fatto un grande piacere ricordarlo, e rendervi partecipi, rileggendo questi versi.. Bacioni a tutti!

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Grazie per averci presentato questo grande artista .Serena notta a presto

TuristadiMestiere ha detto...

mi piace il verso "Un passo bianco e un passo nero, uno bianco e uno nero" perché rende esattamente l'idea del bene e del male, di una cosa giusta e una sbagliata, dell'alternaza esatta degli opposti nella nostra vita. O, almeno, mi piace interpretarlo così :)

liettapet ha detto...

Carmennnnnnnnnnnn, dove sei?????????????
baci Lietta

Alessandra ha detto...

Anch'io non conosco questa musica! Ciao Carmen, un salutone!

edio ha detto...

...dalle tue parti faccio sempre gradite scoperte :-)))
Questo compositore statunitense proprio non lo conoscevo...

Interessante questa variazione :-)

http://www.youtube.com/watch?v=IEiaD9jh5tc

Carmen ha detto...

@Cavaliere oscuro del web e TursitadiMestiere: Grazie per la visita!
@Lietta: settimana MOLTO dura, sigh...
@Alessandra: Ciao cara, bacione
@Edio: Su YT ho una playlist a lui dedicata dove c'è anche questo splendido pezzo. Grazie caro, a presto!

Condividi