giovedì 15 settembre 2011

Buon viaggio Camilla...

Le nostre mani si ritroveranno...un giorno...e fino a quel momento la dolcezza della tua giovane anima cullerà la mia...Buon viaggio Camilla, grazie per tutto l'affetto e le emozioni che mi hai donato.

Lucio Oliveri - amabilmente





"Quando tu guarderai il cielo, 
la notte, 
visto che io abiterò in una di esse, 
visto che io riderò in una di esse, 
allora sarà per te come se tutte le stelle ridessero.
Tu avrai, tu solo, delle stelle che sapranno ridere!"

E rise ancora.

"E quando ti sarai consolato
(ci si consola sempre), 
sarai contento di avermi conosciuto.
Sarai sempre il mio amico. 
Avrai voglia di ridere con me.
E aprirai a volte la finestra, così, per piacere... 
e i tuoi amici saranno stupiti di vederti ridere guardando il cielo. 
Allora tu dirai" Sì, le stelle mi fanno ridere! 
"E ti crederanno pazzo.
T'avrò fatto un brutto scherzo..."

e rise ancora.

"Sarà come se t'avessi dato,
invece delle stelle, 
mucchi di sonagli che sanno ridere..."

( da Il Piccolo Principe )


              


La vita non è uno scherzo.
Prendila sul serio
come fa lo scoiattolo, ad esempio,
senza aspettarti nulla
dal di fuori o nell'aldilà.
Non avrai altro da fare che vivere.

La vita non è uno scherzo.
Prendila sul serio
ma sul serio a tal punto
che messo contro il muro, ad esempio, le mani legate
o dentro un laboratorio
col camice bianco e grandi occhiali,
tu muoia affinché vivano gli altri uomini
gli uomini di cui non conoscerai la faccia,
e morrai sapendo
che nulla è più bello, più povero della vita.

Prendila sul serio
ma sul serio a tal punto
che a settant'anni, ad esempio, pianterai degli ulivi
non perché restino ai tuoi figli
ma perché non crederai alla morte,
pur temendola,
e la vita peserà di più sulla bilancia.

(Nazim Hikmet)




12 commenti:

Carmen ha detto...

Camilla era una persona dotata di grande intelligenza, di raffinata dolcezza spirituale, di un insolito altruismo, di una toccante generosità d'animo e, pur consapevole delle sua precarie condizioni di salute, di grande discrezione e dignità. Amava sognare, cantare, giocare, trasmettere benessere...amava gli animali, il mare, il sole, l'arte, la poesia, la musica...Certamente ha finito di soffrire, ed altrettanto sicuramente ha trovato un mondo migliore...

liettapet ha detto...

Che splendore tutto il post !!! Bravissima Camilla che ci ha lasciati....
La conoscevi Carmensita?
I suoi video sono stupendi, sembrano fatti da una persona di mestiere.. Che peccato!!!
Mi dispiace tanto... sono arrivata troppo tardi... un bacione a te

Carmen ha detto...

E le stelle...Camilla ammirava ed adorava le stelle...

"E tutto insieme, tutte le voci, tutte le mete, tutti i desideri, tutti i dolori, tutte le gioie, tutto il bene e il male, tutto insieme era il mondo.
Tutto insieme era il fiume del divenire, era la musica della vita." (Hermann Hesse)

lui ha detto...

ciao...il dolore è sempre grande per la perdita di una persona cara.. nel tuo post mi ha colpito questa frase
Sarà come se t'avessi dato,
invece delle stelle,
mucchi di sonagli che sanno ridere..."
ciao..luigina

Adriano Maini ha detto...

Impossibile aggiungere qualcosa alle tue belle parole!

Francesca ha detto...

Il post è magnifico anche se triste. molto triste. Mi spiace per Camilla, da ciò che emerge una persona "speciale". Buona settimana Carmen

TuristadiMestiere ha detto...

che incanto, cara Carmen. Sei riuscita a "farci vedere e sentire" Camilla. La sua dolcezza, la sua spiritualità, la sua raffinatezza. Ti sono vicina.

liettapet ha detto...

CANZONE DI VIAGGIO

Sole, brilla adesso dentro al cuore,
vento, porta via da me fatiche e cure!
Gioia più profonda non conosco sulla terra,
che l'essere per via nell'ampia vastità.

Verso la pianura inizio il mio cammino,
sole mi fiammeggi, acqua mi rinfreschi;
per sentire la vita della nostra terra
apro tutti i sensi in festa.

Mi mostrerà ogni giorno nuovo,
fratelli nuovi e nuovi amici,
finché senza dolore ogni forza loderò,
e di ogni stella sarò ospite e amico.

Hermann Hesse da La felicità, versi e pensieri

edio ha detto...

...un post davvero intenso.
Da parte mia ti lascio questa...

"Hospes comesque"

Corpo, facchino dell'anima, in cui sperare forse

sarebbe vano, amato corpo, più che non amarti;

cuore in un vivente ciborio trasmutato;

bocca senza fine tesa alle più nuove esche.

Mari dove si può vogare, sorgenti dove si può bere;

frumento e vino misti al banchetto rituale;

alibi del sonno, dolce cavità nera;

inseparabile terra offerta a tutti i nostri passi.

Aria che mi colmi di spazio e di equilibrio;

brividi lungo i nervi; spasmi di fibra in fibra;

occhi sull'immenso vuoto per poco tempo aperti.

Corpo, vecchio mio compagno, noi moriremo insieme.

Come non amarti, forma a cui io somiglio,

se è nelle tue braccia che stringo l'universo?

(Marguerite Yourcenar)

liettapet ha detto...

Notte, mia cara !!!!

Alessandra ha detto...

Bellissime le parole, bello tutto il tuo post! Ciao Carmen, un abbraccio fortissimo!

Carmen ha detto...

Grazie a tutti per le belle parole, ed un doppio grazie a chi ha arricchito questo post con delle splendide poesie, Camilla ne sarebbe lietissima, adorava la poesia.

Condividi